Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

"La Giustizia è come il sole. Una società che ne è priva vive nell'ombra. Facciamo entrare il sole della Giustizia nel cuore degli uomini" (D.Ikeda)

 

 

A 50 anni dalla morte di Kennedy si analizza un nuovo volto del presidente. J.F. Kennedy come difensore dei diritti civili


E’ da poco passato il cinquantesimo anniversario della morte di John F. Kennedy, trentacinquesimo presidente degli Stati Uniti dal 20 gennaio 1961 al 22 novembre 1963, data del suo storico assassinio a Dallas, in Texas.

Egli, oltre che per le vicende della guerra fredda, è ricordato per essere stato un grande paladino dei diritti civili, in particolar modo della componente afroamericana, che, proprio in quegli anni, incominciava a far sentire la propria voce con esponenti di rilievo quali Martin Luther King.

Risale infatti alla sua presidenza l’episodio dell’11 giugno del 1963, quando i primi studenti afroamericani riuscirono ad iscriversi nell’università d’Alabama. Questo stato, così come tutti gli altri nel sud degli Stati Uniti, all’epoca era ancora contraddistinto da una forte componente razzista. Nella zona meridionale, infatti, godevano di grande attenzione associazioni quali il Ku Klux Klan e le riforme contro la segregazione degli afroamericani trovavano sempre grande difficoltà di messa in atto, in opposizione ai più progressisti stati settentrionali.

L’episodio in questione ottenne subito notevole risalto presso l’opinione pubblica per la resistenza e l’opposizione che suscitò non solo nella popolazione locale non di colore, ma soprattutto nello stesso  presidente dello stato, George Wallace. Costui arrivò a porsi sulla porta d’ingresso dell’università in modo da impedire loro il passaggio, giustificando tale intervento con l’autonomia del proprio singolo stato rispetto alle decisioni federali.

Fu dunque fondamentale in questo frangente l’intervento diretto di Kennedy. Questi, venuto a conoscenza dei fatti, prima chiamò Wallace e gli intimò di non opporre ulteriore resistenza. Dopodichè, attraverso un decreto, rese l’esercito dell’Alabama federale, ponendolo pertanto sotto il proprio comando diretto. Scortati dai militari, i due studenti, Vivian Malone e James Hood, poterono quindi, finalmente, fare il loro ingresso nell’università e iscriversi ad essa, avvenimento per il quale avevano dovuto attendere ben due anni, nonostante  fosse un loro diritto moralmente e legalmente sancito.Nello stesso giorno, Kennedy informò attraverso un messaggio radiotelevisivo la nazione e il resto del mondo del significativo avvenimento.

 

La straordinarietà di tale fatto è dovuta non solo all’unicità del gesto e all’esempio che poi costituì per i casi futuri, ma anche in quanto affermazione dei diritti fondamentali dell’uomo. Si trattò, infatti, di preservare sia il diritto allo studio di due studenti che di determinare l’uguaglianza tra persone di diverso colore.

Forse in epoca attuale, in cui è comune vedere classi con studenti di varie etnie e classi sociali e in cui lo studio più che un diritto, almeno per quanto riguarda l’istruzione obbligatoria, non di rado è considerato quasi un dovere, ciò può sembrare naturale, tuttavia all’epoca non lo era e, se le cose sono cambiate e ci appare in tal senso, lo si deve certamente a singoli avvenimenti quali quello dell’11 giugno 1963 nell’università d’Alabama.

 

http://www.jfklibrary.org/JFK/Historic-Speeches/Multilingual-Address-to-the-Nation-on-Civil-Rights/Multilingual-Address-to-the-Nation-on-Civil-Rights-in-Italian.aspx

 

 

A cura di: Ander Maglica

 

Copyright © 2018 Donne senza frontiere | Movimento per la giustizia - Tutti i diritti riservati | Designed by graphics01.com
Powered by Wordpress